CONSOLIDAMENTO DI SOLAI

RI-STRUTTURA

Vai alla sezione

BETONTEX EPOXY

Vai alla sezione

Il ruolo dei solai nel comportamento sismico delle costruzioni è quello di trasferire le azioni orizzontali alle pareti, oltre ad esercitare una funzione di vincolo e di ammorsamento per le pareti sollecitate.
Da qui l’esigenza di intervenire sui solai esistenti, tipicamente su quelli in acciaio e in laterocemento e che presentano limiti strutturali legati al decadimento dei materiali, all’azione sismica e ai cambiamenti di destinazione d’uso tali da compromettere la rigidezza e la capacità portante degli stessi.

Fibre Net propone due diverse tecniche di intervento:

• FIBREBUILD RI-STRUTTURA (Fiber Reinforced Cementitious Matrix): tecnica del “massetto armato” utilizzando reti in GFRP, opportunamente collegate al solaio con la tecnica del “solaio collaborante”, per la realizzazione di massetti alleggeriti e a basso spessore, con capacità di distribuzione dei carichi e aumento della rigidezza

• FIBREBUILD BETONTEX-EPOXY: tecnica del placcaggio fibrorinforzato utilizzando tessuti, lamine e barre in GFRP e CFRP, da applicare all’intradosso per un rinforzo localizzato di travi lignee e in cls, per il miglioramento del comportamento a flessione e della capacità portante del manufatto

Inoltre, nell’ambito di interventi di messa in sicurezza, il sistema FIBREBUILD LIFE+ viene applicato all’intradosso di solai in laterocemento che presentano problemi di distacco di elementi (cosiddetto “sfondellamento” degli elementi di laterizio).

 

RI-STRUTTURA

TECNICA DEL MASSETTO ARMATO

Non di rado negli edifici storici sono presenti solai in legno, in ferro (vedi le classiche “voltine” con profilati metallici) o, negli edifici del ‘900, in laterocemento, che presentano delle capacità di carico modeste e delle rigidezze insufficienti rispetto alle esigenze di utilizzo attuali. Ogni intervento con materiali tradizionali risulta spesso invasivo e poco compatibile con le esigenze di mantenimento degli spessori e dei pesi.

L’eccessiva deformabilità dei solai, realizzati con le varie tecniche e i diversi materiali, viene ovviata attraverso la realizzazione, all’estradosso, di una sottile soletta, armata con reti in GFRP preformate, debitamente connessa al solaio sottostante attraverso connettori metallici. Ciò permette di ottenere un “solaio collaborante” rigido, in grado di meglio ripartire le azioni sismiche orizzontali, in cui il rinforzo ha la principale funzione di distribuzione del carico agente sul solaio stesso.

• ELEVATO RAPPORTO RESISTENZA MECCANICA/PESO
• ELEVATA RESISTENZA ALLA CORROSIONE E COMPATIBILITA’ CON MALTE DI DIVERSE TIPOLOGIE (MALTE DI CALCE, CEMENTIZIE, POZZOLANICHE, ECC.)
• LEGGEREZZA E BASSO SPESSORE

• DURABILITA’ ED EFFICACIA DELL’INTERVENTO
• MIGLIORAMENTO MECCANICO DIFFUSO E OMOGENEO
• FACILIT A’ E VELOCITA’ DI APPLICAZIONE
• RIDUZIONE DEI COSTI E DEI TEMPI DI MOVIMENTA ZIONE E DI POSA

 

BETONTEX-EPOXY fibrenet-made-expo-2017

TECNICA DEL PLACCAGGIO FIBRORINFORZATO

Il consolidamento di solai, caratterizzati da scarsa resistenza a flessione ed insufficiente rigidezza, non sempre è realizzabile dall’estradosso per la presenza di pavimenti non rimovibili o, più in generale, per l’impossibilità di accedere alla zona superiore.
Inoltre, la scarsa portanza delle travi, soprattutto quelle lignee o in calcestruzzo, può essere risolvibile solo operando dall’intradosso, realizzando un intervento che riduca la deformazione flessionale dell’elemento.

Le lamine e i tessuti FIBREBUILD BETONTEX-EPOXY applicati, per mezzo di resine polimeriche termoindurenti, all’intradosso delle travi di orditura principale, rappresentano una soluzione veloce ed efficace mirata alla riduzione dei fenomeni flessionali e al miglioramento delle caratteristiche di rigidezza del solaio.
L’intervento avviene in modo localizzato in corrispondenza della zona tesa della trave, calibrando la quantità delle fibre, disposte tipicamente nella direzione longitudinale, in modo da ottimizzare le proprietà meccaniche del rinforzo secondo le necessità di miglioramento richieste.

• ELEVATE RESISTENZE MECCANICHE
• ELEVATA RESISTENZA ALLA CORROSIONE E COMPATIBILITA’ CON MALTE A BASE CALCE
• BASSISSIMI SPESSORI

• DURABILITA’ ED EFFICACIA DELL’INTERVENTO
• MIGLIORAMENTO MECCANICO CON INTERVENTI PUNTUALI E MIRATI
• DIMENSIONAMENTO DEL RINFORZO SECONDO LE ESIGENZE
• POSSIBILITA’ DI ADATTARE IL RINFORZO A GEOMETRIE IRREGOLARI
• BASSA INVASIVITA’