classificazione-vulnerabilita-sismica

CLASSIFICAZIONE E VULNERABILITA’ SISMICA


Sulla scia dei tragici eventi che conosciamo, la sismica continua ad essere il tema principale intorno al quale operano un gran numero di tecnici, esponenti dei settori più diversi. A monte di tutto resta un argomento: la classificazione sismica degli edifici e l’emanazione delle Linee Guida.

Argomento di maggiore attualità nel settore edilizio, sulla scia dei tragici eventi che conosciamo e delle continue scosse che costituiscono lo sciame sismico ancora in corso nell’Italia centrale, la sismica continua ad essere il tema principale intorno al quale operano un gran numero di tecnici, esponenti dei settori più diversi. Legislazione, normativa tecnica, regolamenti attuativi di varia natura delineano una strada complessa tracciata al fine di gestire emergenze, agire in funzione del ripristino della normalità e delle ricostruzioni, introdurre strumenti in grado di operare in termini di messa in sicurezza e prevenzione.
A monte di tutto un argomento, filo che lega tra loro i più diversi aspetti e che è continuo oggetto di dibattito poiché da esso dipendono scelte fondamentali per oggi e per il futuro: la classificazione sismica degli edifici e l’emanazione delle Linee Guida.

Il tema è stato ampiamente trattato e discusso di recente in occasione del SAIE svoltosi ad ottobre e, in particolare, del Convegno ISI dal titolo “CLASSIFICAZIONE DELLA VULNERABILITA’ SISMICA DEI FABBRICATI. Un supporto di grande importanza all’azione di riduzione del rischio”.
Ingegneria Sismica Italiana si è interessata al tema della classificazione sismica degli edifici fin dal 2012 riconoscendo la necessità di definire la vulnerabilità sismica degli edifici secondo classi di appartenenza ai fini di un organico sistema finalizzato a regolare le attività più diverse che hanno come oggetto gli immobili, dalle compravendite alle ristrutturazioni e gli incentivi fiscali ad esse connessi (nella Legge Finanziaria in fase di stesura un capitolo importante è occupato dal SISMABONUS) e, certamente, per una provvisionale e speditiva valutazione del rischio sismico.
L’uscita delle Linee Guida è ora imminente, anche se il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Delrio sembra aver dichiarato che la classificazione sarà operativa dal 2018, e il convegno di ISI ha posto il tema in termini strettamente applicativi.

I contributi presentati in occasione del SAIE sono scaricabili dal sito di ISI al seguente link
http://www.ingegneriasismicaitaliana.com/it/3/news/1030/convegno-isi-aclassificazione-della-vulnerabilitaa-sismica-dei-fabbricati-un-supporto-di-grande-importanza-allaazione-di-riduzione-del-rischioa/#title

E inoltre
> Linee guida per la classificazione sismica degli edifici: documento in fase di redazione del 31/08/2016
http://www.ingenio-web.it/Notizia/7574/Linee_guida_per_la_classificazione_sismica_degli_edifici:_documento_in_fase_di_redazione.html

> Delrio: classificazione sismica degli edifici? nel 2018!!! perché? e gli ingegneri cosa dicono? [Andrea Dari 2/10/2016]
http://www.ingenio-web.it/Notizia/7812/Delrio:_classificazione_sismica_degli_edificie_nel_2018!!!_perche_e_e_gli_ingegneri_cosa_diconoe.html

E mentre la terra continua a tremare e il Senato approva il Decreto che include ulteriori comuni all’area cratere (attualmente sono 130 e non si escludono ulteriori aggiunte), la macchina dello Stato continua ad operare per il ripristino delle condizioni di normalità (nel limite del possibile) ma anche per stabilizzare la situazione di rischio dei centri edificati.
Si lavora a tutti i livelli, Corpo dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile, e tante sono le figure di tecnici impegnate a monitorare i danni del sisma e valutare l’agibilità degli edifici. E a tale proposito, è proprio di pochi giorni fa una circolare del CNI con cui si richiedono tecnici agibilitatori disponibili ad operare nelle aree del sisma dal momento che, a seguito dei terremoti della fine di ottobre, è emersa la necessità di verificare oltre 200.000 edifici, rispetto ai preventivati 70.000.

> Terremoto, il Senato approva il decreto: più Comuni nell’area del cratere
http://www.repubblica.it/cronaca/2016/11/23/news/terremoto_senato_approva_decreto_ora_passa_alla_camera-152657311/

> Sisma Centro Italia 2016 – il CNI lancia una richiesta urgente di ingegneri agibilitatori
http://www.ingegneriasismicaitaliana.com/it/3/homepage/#cont0

> Sisma, cercasi ingegneri agibilitatori con urgenza: 200mila verifiche da fare
http://www.ingegneri.info/news/professione-e-previdenza/sisma-cercasi-ingegneri-agibilitatori-con-urgenza-200mila-verifiche-da-fare/