MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI – H-PLANET INTONACO ARMATO SOTTILE

Gli eventi sismici che periodicamente colpiscono il territorio italiano interessano quasi tutto il nostro patrimonio architettonico, costituto da una grande varietà di tipologie costruttive, in cui murature storiche si mescolano e sovrappongono a strutture moderne intelaiate o costruite interamente in calcestruzzo.

La maggior parte di queste strutture, seppur diverse per età, tecniche e materiali costruttivi, sono accomunate dalla necessità di intervento di miglioramento o adeguamento sismico, in modo efficace, durevole e sicuro. A ciò si aggiunge la necessità di rinforzo statico degli edifici, legata ad errori di progettazione e costruttivi, o a cambiamenti di destinazione d’uso.

 

H-PLANET

INTONACO ARMATO SOTTILE
SISTEMA DI RINFORZO STRUTTURALE ANTIRIBALTAMENTOO

Il pericolo viene anche dagli elementi non strutturali.
Gli eventi sismici che periodicamente colpiscono il territorio italiano interessano quasi tutto il nostro patrimonio architettonico, costituto da una grande varietà di tipologie costruttive, in cui murature storiche si mescolano e sovrappongono a strutture moderne intelaiate o costruite interamente in calcestruzzo.

La maggior parte di queste strutture, seppur diverse per età, tecniche e materiali costruttivi, sono accomunate dalla necessità di intervento di miglioramento o adeguamento sismico, in modo efficace, durevole e sicuro. A ciò si aggiunge la necessità di rinforzo statico degli edifici, legata ad errori di progettazione e costruttivi, o a cambiamenti di destinazione d’uso.

Se l’attenzione della normativa e quindi dell’attività di progettazione si è concentrata sulle parti strutturali costituenti l’edificio e sulla loro capacità di fronteggiare le sollecitazioni sismiche, grande attenzione va posta anche al rischio insito negli elementi cosiddetti non strutturali, quali partizioni e tamponamenti in muratura.

Il fenomeno di crisi per presso-flessione fuori dal piano (ribaltamento) di tali elementi, tipicamente riconducibili a strutture intelaiate di moderna realizzazione ed elementi orizzontali come le volte, rappresentano una criticità in quanto, in caso di sollecitazione sismica, è frequente l’insorgere di cinematismi che portano al collasso delle stesse.

FibreNet presenta FIBREBUILD H-PLANET, nuovo sistema per il rinforzo di elementi strutturali e non, costituito da reti ed accessori preformati in CFRP (Carbon Fiber Reinforced Polymer) a bassissimo spessore ed aderenza migliorata, abbinati a malta ad elevata resistenza, per ottenere un sistema di rinforzo FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) innovativo ed efficace.

Il sistema FIBREBUILD H-PLANET garantisce alla struttura caratteristiche meccaniche e durabilità. Gli elementi così rinforzati, aumentano la propria duttilità e la propria capacità dissipativa sul piano, nonché la resistenza alle azioni ortogonali allo stesso.

Laddove venga richiesto l’impiego di sistemi di connessione (per collegamento del tamponamento al sistema portante o nel caso di elementi portanti a più paramenti), sono disponibili barre e fiocchi in fibra di vetro, carbonio e acciaio.

• ELEVATA RESISTENZA MECCANICA
• DURABILITÀ DEL SISTEMA
• REAZIONE AL FUOCO DELLA MALTA: CLASSE A1
• SCARSA INVASIVITÀ (COLLABORAZIONE PER ADESIONE)
• BASSISSIMO SPESSORE
• FACILITÀ E VELOCITÀ DI APPLICAZIONE
• SISTEMA CERTIFICATO

APPLICAZIONI

• Presidio “antiribaltamento” diffuso o localizzato per elementi non strutturali.
• Rinforzo strutturale a bassissimo spessore per murature ed elementi in calcestruzzo.
• Collegamento perimetrale tra tamponamenti o tramezzature e telaio strutturale.
• Aumento della resistenza statica di colonne e pilastri sia in muratura che in calcestruzzo.
• Rinforzo diffuso leggero di volte sottili ed archi.